HELPLING CONQUISTA IL MERCATO ASIATICO E COMPRA SPIKIFY

La società leader nella prenotazione di addetti alle pulizie online pioniera della nuova strategia Rocket Internet

12 MARZO 2015

A meno di un anno dalla sua nascita, Helpling annuncia oggi il suo arrivo a Singapore, Emirati Arabi e Australia. Questa mossa conferma Helpling come il servizio di pulizia on-demand più usato e diffuso a livello mondiale; la startup del pulito è, infatti, già disponibile in Austria, Brasile, Canada, Francia, Germania, Italia, Olanda, Spagna e Svezia. Inoltre l’espansione in Asia di Helpling segue un round di investimenti di 17 milioni di dollari ricevuto lo scorso dicembre. Al momento la giovane startup offre servizi di pulizia in oltre 200 città diverse distribuite su undici nazioni, tra Europa, America, Asia e Oceania, conta più di 50.000 clienti attivi, oltre 50.000 appartamenti puliti e garantisce lavoro nel settore dei servizi domestici ad oltre 5.000 addetti.

Come ha commentato uno dei due fondatori di Helpling, Benedikt Franke, “Singapore, gli Emirati Arabi e l’Australia costituiscono mercati importantissimi per il nostro modello di business: si tratta di paesi che condividono un approccio al consumo basato sui servizi, in particolare quelli domestici e con un’avanzata tecnologia e predisposizione al consumo e acquisto online. L’industria dei servizi domestici però non è stata ancora in grado di sfruttare al meglio i vantaggi della digitalizzazione: noi siamo qui per facilitare quest’integrazione e colmare questo gap”.

A Singapore Helpling ha acquisito il competitor locale Spikify, il cui marchio è stato così cambiato con effetto immediato, mentre il co-founder e CEO di Spikify Hoe Yeen Teck è diventato il nuovo country manager Helpling. L’accordo permette di unire i punti di forza delle due compagnie in un’unica organizzazione - l’expertise tecnologica di Helpling e la conoscenza delle preferenze dei consumatori locali di Spikify. Come ha commentato Hoe Yeen Teck, “la piattaforma online di Helpling ci permetterà di espandere il nostro servizio su tutta l’isola garantendo ai clienti un efficace servizio di pulizia”.

“Una strategia, quella di acquistare la startup Spikify “ - spiega il co-founder Alberto Cartasegna “che deve far pensare anche gli attori dell’ecosistema Italiano. Riconducibile allo stesso trend è, infatti, la recente acquisizione dell’italiana Pizzabo. Seppur in contesti diversi, entrambe le acquisizioni devono essere lette sotto la stessa, interessante, lente: è in atto un’importante evoluzione dell’ecosistema mondiale, nuove opportunità di exit si stanno aprendo, ottima notizia non solo per Singapore ma anche per le startup (e i VC) del Bel Paese”.

FOUNDERS

Benedikt Franke
Co-fondatore di Helpling, è responsabile del reparto di marketing e del settore finanziario. Insieme, Philip e Benedikt, hanno fondato nel 2010 il gruppo Latin American Media.

Benedikt è stato Direttore Operativo di MyCityDeals e Capo delle Risorse Umane di Rocket Internet. Dopo essersi laureato all’Università di Bayreuth e all’ESCP a Londra ha lavorato come associato di The Boston Consulting Group.

Philip Huffmann
Co-fondatore di Helpling, è responsabile di prodotto e della gestione delle operazioni. Più recentemente è stato Capo Prodotto ad interim per StyleHaul (organizzazione della rete YouTube leader per Moda e Lifestyle).

Precedentemente Philip ha sostenuto diverse Startup (come fondatore e investitore) e ha lavorato come Responsabile delle Vendite per Gimigames. Philip ha studiato a Münster e Madrid.

Alberto Cartasegna
Co-Founder e Managing Director Italia, ha affiancato i due founders globali come business developer ed oggi è responsabile del lancio in Italia. Precedentemente ha lavorato presso Boston Consulting Group (BCG) e la Banca del Credito Cooperativo (BCC).

Laureato con il massimo dei voti in Economia all'Università Milano-Bicocca, ha frequentato il programma di studi MBA della Kelly School of Business negli Stati Uniti, sta concludendo la specialistica in Management and Finance all'Università Bocconi.

About Helpling
L’ultima startup diRocket Internet, gruppo tedesco specializzato in piattaforme di e-commerce che ha lanciato importanti brand come Zalando, Payleven e Groupon. Come fare in modo che le persone possano avere più tempo libero e una casa pulita ed accogliente? Dalla risposta a questa domanda nasce Helpling. Il lancio è in Germania a marzo 2014, e da allora la startup è già in altri 6 paesi europei: Austria, Paesi Bassi, Francia, Svezia, Spagna e Italia, ma anche in Brasile, Australia, Emirati Arabi e Singapore. In pochi mesi gli addetti Helpling, coordinati da un team complessivo di più di 150 professionisti, hanno pulito più di 5.000 appartamenti solo in Italia e più di 10.000 in 140 città europee.

Contatti stampa
Download PDF
Download PDF
Profilo Aziendale Helpling

Helpling is Europe’s leading online marketplace for home services. On the website or via the app, customers can book a vetted and insured service provider and gain back free time within a couple of clicks. For service providers, the innovative online service makes it easier than ever to find new clients and to manage when and where they want to work.

Helpling was founded in early 2014 by Benedikt Franke and Philip Huffmann. Among its investors are Rocket Internet, Mangrove Capital, Lakestar, APACIG and Accel. Helpling currently offers its services in 9 countries: Australia, Germany, Italy, France, Ireland, UK, UAE, the Netherlands and Singapore.

comunicati stampa